lunedì, ottobre 23, 2006

Rubberducky

Winamp non ha la libreria; i-tunes ce l'ha ma, a meno di organizzare tutta la musica come vuole Steve Jobs, creo un doppione ogni volta che sposto un file; WMP è antiestetico. Songbird è quello che volevo, anche se attualmente non è perfettamente funzionante ma solo una sorta di beta version.
Guardatevi lo screencast con la demo delle features più fighe.
I pro: ad ogni avvio controlla automaticamente le cartelle selezionate; il lettore integra un browser, i file multimediali presenti nella pagina appaiono in una playlist che può essere preascoltata senza scaricare e poi salvati a uno a uno. Sempre con il browser si possono effettuare ricerche per titolo o per autore nel web, in pratica un serbatoio gigante di mp3. Ad averlo installato qualche giorno fa adesso avrei nel mio hard disk 45:33.
I contro: i file devono essere aperti dalla libreria, non si aprono con un doppio click; con un drag and drop i file si aprono ma non si crea una playlist.
(Anche la ricerca internet non è tutta rose e fiori, ma questa non è una colpa degli sviluppatori ma di chi uploada dei file senza tag che si chiamano 3432525235.mp3.)
Insomma, diamogli un po' di tempo per crescere, le promesse sono ottime.

3 Comments:

Anonymous Anonimo said...

oh nico ma sei diventato troppo uno smanettone! :)

4:35 PM  
Blogger ciNICO said...

insisti ancora un po' e passo a Linux (se ho indovinato chi sei)

5:31 PM  
Anonymous achillepetulante said...

Nel 1970 i possessori di telefonini erano 0 su 10. Nel 1990 erano 100 su 1000. Nel 2000 erano 1000 su 5000. Nel 2006 sono 20000 su 10000.
Voglia di apparire o senso di inadeguatezza?
Voglia di gridare o paura di rischiare?
Manìa o bisogno?
Abbiamo provato a chiedercelo facendo Squillare il telefono.
Ne sono successe delle belle.

Scoprile ascoltando ogni sabato dalle 13 alle 14,
“Squilla il telefono”.

Frequenza: 89.40 Fm, per Como e Provincia.

On line in streeming: http://www.ciaocomoradio.it/

1:48 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home